• Pavia:

Pavia, più vigili nelle periferie

Sistemato il centro storico, il nuovo comandante della Polizia Locale di Pavia si è messo al lavoro per ottimizzare tempi e uomini anche nei quartieri periferici della città. Il metodo sarà sempre lo stesso: intensificare i controlli a piedi degli agenti nei luoghi sensibili, o considerati più a rischio, delle quattro zone in cui è storicamente suddivisa Pavia; centro escluso. Ne hanno parlato a Palazzo Mezzabarba, nel corso di una riunione operativa, l’assessore Ruffinazzi, il comandante Crocco e gli ufficiali responsabili del progetto del vigile di quartiere, riattivato nel mese di agosto, e che si avvale di trenta agenti complessivamente.

Presente anche Fabio Castagna, assessore delegato alle tematiche dei quartieri, che nel corso dell’incontro ha segnalato i punti sensibili nei quali sarà necessario intensificare il presidio della Polizia Locale. Un lungo elenco fornito dagli uffici decentrati del comune, ovvero le vecchie sedi di quartiere, che hanno il polso della situazione nelle cinque zone territoriali. Entro la prossima settimana, fa sapere l’assessore Ruffinazzi, verrà messo a punto, e comunicato, un programma di interventi esclusivo dedicato alle periferie.