• Pavia:

Pavia, il futuro dell’Arsenale: importanti novità

Un buco da 140mila metri quadrati da restituire alla città. Il futuro dell’Arsenale di via Riviera sembra decisamente più nitido dopo l’incontro milanese tra l’assessore all’urbanistica di Pavia Gualandi ed i rappresentati del ministero della difesa, proprietario dell’area, ed il demanio, soggetto individuato dal decreto Sblocca Italia come mediatore per la sua riqualificazione. E’ proprio questa la novità illustrata al comune nelle scorse ore. L’articolo 26 del decreto chiarisce infatti le procedure per l’alienazione degli immobili dello Stato con particolare attenzione alle caserme militari. Undici in tutto, tra cui l’arsenale di Pavia, che l’esercito intende valorizzare con l’aiuto del demanio. E’ un primo importante passo avanti, spiega l’assessore all’urbanistica Gualandi, che consentirà al Mezzabarba di accelerare il progetto di città della cultura e della scienza individuato in quell’area. Il mese prossimo rappresentanti del comune e del demanio faranno una ricognizione all’interno dello spazio di via Riviera mentre nel giro di due mesi l’amministrazione cittadina conta di avere un quadro più chiaro sul destino dell’Arsenale con la costruzione di una scheda urbanistica ad interesse pubblico. Un piano di lavoro che comprenderà certamente anche negozi di vicinato, alloggi erp e attività speciali.