• Pavia:

Voghera, detenuto condannato per mafia dal carcere ai domiciliari in comunità: “ha la fobia della cella e degli ospedali”

Un detenuto, condannato in appello a 14 anni e 5 mesi per associazione mafiosa, lascerà il super carcere di Voghera per una comunità ligure. La motivazione, che sta creando inevitabili polemiche, sarebbe che l'uomo, come stabilito da una serie di perizie, sarebbe affetto da "un disturbo depressivo, di conversione somatica, di evitamento a contenuto multiplo". Una condizione che gli renderebbe impossibile sia lo stare in carcere, sia lo stare agli arresti in un ospedale.