• Pavia:

Pavia: truffa da 200 mila euro all’Inps

Una truffa da 200 mila euro ai danni dell'Inps perpetrata da 9 stranieri che percepivano l'assegno sociale senza averne il diritto. E' quanto scoperto dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Pavia al termine di una complessa operazione condotta in collaborazione con l'istituto nazionale di Previdenza sociale, con il quale le fiamme gialle avevano firmato un apposito protocollo d'intesa nei mesi scorsi. L'indagine è partita dall'analisi dei dati relativi ai fruitori dell'assegno sociale messo a disposizione dall'INPS. Si tratta di uno strumento assistenziale, del valore di massimo di circa 450 euro mensili, che viene corrisposto ai cittadini italiani e agli stranieri stabilmente residenti Italia, che abbiano superato il sessantacinquesimo anno di età e che si trovino in particolare situazione di disagio economico. Dai controlli della finanza è emerso che 9 persone, 5 argentini, un bulgaro, un albanese, un russo e un ecuadoregno, tutti tra i 60 e gli 80 anni, percepivano l'assegno pur avendo fatto ritorno ai loro paesi di origine, o essendosi assentati continuativamente oltre 30 giorni dal territorio nazionale senza comunicarlo all'inps, così come previsto dalla normativa vigente. Ora i 9 truffatori sono stati segnalati all'autorità giudiziaria cui dovranno rispondere per i reati di truffa o malversazione, ed alla magistratura contabile per il conseguente danno erariale.