• Pavia:

Gioco d’azzardo: nuovo progetto tra Oltrepò e Lomellina

Sensibilizzare, insomma provare a far capire, ancora una volta, che il gioco fa male, e non solo al...portafogli. Nella provincia più spendacciona d'Italia, che nel 2013 ha bruciato nelle slot quasi 3000 euro pro capite, ecco  un nuovo progetto per sbarazzarci di questo poco lusinghiero primato. Lo propone la cooperativa sociale La collina di Sannazzaro per i territori dell'Oltrepò e della Lomellina. Come? Informando le fasce più a rischio, in particolare giovani e anziani, sui gravi problemi che porta con sé il GAP, il gioco d'azzardo patologico. Questo accadrà attraverso campagne mirate di informazione nelle città e nelle scuole, ma anche, questa almeno sarebbe l'idea dei promotori, dentro le ricevitorie e le sale slot. Oltre a ciò, verranno presto attivati sportelli e centri di ascolto, in collaborazione con realtà già esistenti come Auser. Secondo l'assessore ai servizi sociali Baggini affrontare la ludopata costituisce una "battaglia di civiltà nel nome del rispetto dell’individuo e della collettività".