• Pavia:

Al via un progetto di valorizzazione del Boschetto di Scaldasole

Partirà il prossimo ottobre il progetto di valorizzazione della Riserva Naturale “Boschetto di Scaldasole”, classificato a livello europeo come Sito di Importanza Comunitaria. Gli interventi di valorizzazione rientrano nell’ambito delle opere di compensazione e mitigazione ambientale comprese nel nuovo “Progetto ENI Slurry tecnology” realizzato da ENI presso la raffineria di Sannazzaro e Ferrera. La Riserva naturale “Boschetto di Scaldasole” è ciò che resta dei dossi della Lomellina, geotopi tutelati in quanto testimoni dell’evoluzione geologica e geomorfologica della Pianura Padana durante il periodo pleistocenico. Al suo interno trovano spazio alcuni vecchi querceti acidofili delle pianure sabbiose, un habitat di interesse comunitario, tanto che la Riserva è stata riconosciuta quale Sito di Importanza Comunitaria nell’ambito della rete ecologica europea Natura 2000. Il progetto, presentato ed interamente finanziato da ENI in convenzione con il comune di Scaldasole, è stato redatto dallo studio Meucci di Milano con la supervisione scientifica del Prof. Francesco Sartori dell’Università di Pavia, e prevede una serie di interventi di salvaguardia e conservazione degli aspetti ecologici della Riserva: contenimento delle specie esotiche quali ailanto e robinia, rimboschimento del querceto con messa a dimora di nuove piante, gestione e cura dei rimboschimenti più antichi, riattivazione dell’antica sorgente Albinola, consolidamento delle ripe e delle fasce arboree poste in fregio alle stesse.