• Pavia:

Corteolona e Genzone pronti alla fusione

Se a pochi giorni dal refererendum per l’indipendenza scozzese dal Regno Unito, il fronte del si ingrossa le proprie file oltremanica, la provincia di Pavia sta vivendo il processo inverso. I comuni di Corteolona e Genzone sono difatti pronti a mettere da parte il campanile e procedere alla fusione. Ieri sera il consiglio provinciale, alla presenza degli amministratori dei due enti, ha dato il proprio via libera e la prossima settimana Regione Lombardia convocherà i sindaci in commissione per stabilire la data del referendum popolare. Due le ipotesi sul tavolo: il 2015 oppure il 2016 quando la legislatura di Corteolona arriverà a scadenza naturale. Un parere, il referendum, che sarà solamente consultivo e quindi non vincolante ai fini della fusione. Tasse al minimo e non solo: grazie alla fusione il nuovo comune, che con ogni probabilità sarà chiamato Corteolona-Genzone, potrà godere di un aumento dei trasferimenti dello Stato pari a 140mila euro. La fusione, in questo caso, fa la forza per i circa 2500 cittadini dei due comuni che avranno pari importanza e dignità, ha tenuto a sottolineare il vicesindaco di Corteolona Della Valle.