• Pavia:

Voghera, blitz dei carabinieri: arrestato algerino con 40 chili di coca

Secondo i carabinieri quei 40 kili di cocaina purissima valevano almeno 2 milioni di euro, ma una volta tagliati e rivenduti al dettaglio, avrebbero potuto fruttare anche 6 milioni. Ma i piani Moncef Bekhouche, un algerino di 40 anni, salito su un treno con 3 kili di coca nello zaino, ci hanno pensato i carabinieri di Voghera a farli saltare. L’operazione ha avuto inizio nella serata di giovedì, quando i militari che stavano perlustrando la zona della stazione ferroviaria di Voghera, hanno notato l’uomo aggirarsi con fare sospetto. Pochi minuti dopo arrivano in supporto due agenti in borghese del nucleo operativo, che lo seguono sul treno fino alla stazione di Milano-Rogoredo. È qui che i carabinieri, temendo di essere scoperti, decidono di fermare l’algerino e di perquisirlo: centro! nello zainetto ci sono tre panetti di coca da un kilo l’uno. L’uomo viene così arrestato, ma inizia la fase 2: scoprire il suo covo, nonostante lui si dichiari senza fissa dimora. E invece una dimora Beckuche ce l’ha eccome, e anche ben rifornita di droga. Perché nell’appartamento di Monza dove viveva, i carabinieri trovano altri 32 panetti di cocachiusa in un trolley azzurro, che portano il peso totale della droga sequestrata ad oltre 39 kilogrammi. Secondo gli inquirenti un quantitativo tale di droga, che all’ingrosso ha un valore di almeno due milioni di euro, al dettaglio avrebbe fruttato anche il triplo, perché la coca era purissima. L’algerino è finito in manette ed ora è in carcere a San Vittore.