• Pavia:

Elezioni, scandalo firme: consigliere denunciato

Così lontani, politicamente, eppure così vicini: a pochi giorni dal voto estrema destra e sinistra sono protagonisti di uno scandalo elettorale.

Può un candidato di una lista di sinistra firmare per una di estrema destra? A quanto pare si se di mezzo ci sono delle firme false. Un ritornello che puntualmente si ripresenta ad ogni votazione. Succede allora che Marcello Simonetta, candidato consigliere di Sinistra per Pavia, risulti allo stesso tempo firmatario della lista che appoggia Massimo Dagrada e di quella di estrema destra Ricostruire Pavia che invece candida Mauro Manfrinato.

 

In pratica la firma di un candidato di sinistra è finita a sostegno di una lista di estrema destra con l’autenticazione di un consigliere comunale uscente ricandidato in una lista in appoggio di Cattaneo: si tratta di Francesco Irianni,  denunciato per questo motivo da "Sinistra per Pavia".

 

Un vero e proprio triangolo delle Bermuda elettorale, dunque. Ma Irianni rispedisce al mittente le accuse affermando di essere stato presente al momento della raccolta delle firme e di non aver riscontrato alcuna apparente irregolarità durante lo svolgimento delle operazioni.

Dal punto di vista politico della vicenda, Sinistra per Pavia chiede infine una presa di posizione da parte del sindaco sull’accaduto, denunciando allo stesso tempo la contiguità della maggioranza con ambienti dell’estrema destra.