• Pavia:

Caso Maugeri, Formigoni chiede lo spostamento del processo a Pavia

E' cominciato ufficialmente oggi il processo Maugeri che vede imputati, tra gli altri, l'ex direttore generale Costantino Passerino e l’ex presidente di Regione Lombardia e attuale senatore del Nuovo centrodestra Roberto Formigoni. Questa mattina davanti ai giudici della decima sezione penale del tribunale di Milano, presieduti da Gaetano La Rocca, gli avvocati di Formigoni hanno chiesto il trasferimento del processo al tribunale di Pavia per competenza territoriale. Secondo gli avvocati Mario Brusa e Luigi Stortoni, a cui si sono associati i difensori degli altri nove imputati, a essere competenti nel giudizio sono i giudici pavesi perchá il primo atto che avrebbe dato il via all'associazione per delinquere contestata al senatore sarebbe stato commesso in quella sede, ovvero la firma del primo contratto di consulenza, ritenuto fittizio dai pm, tra il faccendiere Pierangelo Daccò e la fondazione Maugeri nel 1997. Secondo i pubblici ministeri la Maugeri avrebbe ottenuto tra il 1997 e il 2011 circa 200 milioni di euro di rimborsi pubblici indebiti per prestazioni sanitarie, attraverso una quindicina di delibere della giunta regionale. Gli avvocati di Formigoni hanno poi chiesto di escludere dall'aula le telecamere dei cronisti: «Un provvedimento che ammettesse le tv - hanno precisato i legali - non comporterebbe un sereno svolgimento del processo». Sulle richieste della difesa si dovranno pronunciare i giudici nelle prossime ore. Nel frattempo è stato stilato un calendario per le prossime udienze: la prima data utile è il 29 maggio, quando le parti presenteranno le richieste di prova; il 12 e il 26 giugno, si procederà invece all'avvio della fase istruttoria.