• Pavia:

Mantovani: “La revoca di Filippi dal Cda del San Matteo spetta al comune di Pavia”

La revoca di Ettore Filippi dal Cda del policlinico San Matteo è un provvedimento che non rientra tra le competenze regionali. Ha risposto così oggi in consiglio regionale il vicepresidente di Regione Lombardia Mario Mantovani, alla richiesta avanzata dal gruppo regionale del Movimento 5 stelle sulla posizione dell'ex vicesindaco di Pavia, agli arresti domiciliari con l'accusa di corruzione. Il gruppo di opposizione aveva chiesto la revoca del consigliere, visto che lo stesso policlinico San Matteo - così come si legge nella nota dei 5 Stelle - trae i mezzi finanziari per il proprio funzionamento anche, e soprattutto, dai contributi erogati alla stessa da Regione Lombardia. Oggi la risposta di Mantovani, che anche in qualità di assessore alla salute ha sottolineato come Filippi sia un membro designato dal Sindaco del Comune di Pavia e non dalla Regione e che spetta dunque a palazzo mezzabarba adottare eventuali provvedimenti in merito. La vicenda che vede coinvolto l'ex vicesindaco si arricchisce dunque di un nuovo risvolto, questa volta non giudiziario ma amministrativo. Bisognerà capire se la richiesta di revoca verrà ora inoltrata anche al comune e se la giunta deciderà o meno di intervenire in merito.